Giochi - nontantotempofa

Vai ai contenuti

Menu principale:

Giochi

I nonni raccontano
Tra la scuola, i compiti e l'aiuto che dovevamo dare ai nostri genitori nel lavoro, tempo per i giochi ne rimaneva veramente poco.
Quando eravamo piccoli non c'era né TV né Computer, le strade erano molto più sicure di oggi: non c'era traffico di auto, motorini, ecc. e potevamo anche disporre di grandi spazi, perciò giocavamo spesso all'aperto: il classico gioco del calcio, nascondino, il gioco della ruota, quello del cerchio, strega comanda colore, un due tre stella, mosca cieca, ruba bandiera, palla avvelenata, ecc.
Non c'erano nemmeno negozi di giocattoli ed eravamo costretti a costruirli da soli. I  giocattoli che facevamo erano: fucili, fionde, cerbottane, aquiloni, slitte con le ruote, monopattini e poi si costruivano anche giochi da fare a casa quando fuori pioveva o faceva freddo: il frullino a bottone, il telefono. Noi femminucce, invece, facevamo le classiche bambole, semplici strumenti musicali o animali e burattini fatti con ortaggi e verdure.
Tutti i giocattoli venivano realizzati con materiale povero, di recupero e naturale: legno, cartone, argilla, verdure stracci vecchi, ecc.

TECNICHE DI COSTRUZIONE

















 
Torna ai contenuti | Torna al menu